Fatti in casaPrimo Piano

Maschera per capelli ricci con amido di mais: la ricetta fai da te

Tutti i vantaggi e le proprietà benefiche di un impacco a base di maizena per i capelli ricci

Chi ha i capelli ricci sa benissimo che prendersene cura nel modo appropriato è davvero difficile. Molte maschere e trattamenti di bellezza consigliati per le chiome lisce, infatti, non funzionano allo stesso modo sul riccio. Uno dei rimedi casalinghi più consigliati è l’impacco a base di amido di mais. Ecco Quali sono tutte le proprietà benefiche e come prepararlo al meglio.

Proprietà benefica della maizena per i capelli ricci

L’amido di mais è un prodotto vegetale noto anche come maizena. Questo ingrediente molto utilizzato nelle ricette di cucina può essere aggiunto anche ai cosmetici di origine biologica ed è un ingrediente efficace per realizzare impacchi nutrienti per i capelli e il corpo. Le proprietà che rendono questo amido perfetto per domare i capelli ricci sono: la proprietà detergente, la capacità assorbente e le proprietà emollienti. Il corretto utilizzo dell’amido di mais, infatti, consente di ottenere i capelli leggeri, morbidi e luminosi.

Come preparare un impacco a base di amido di mais

Per preparare un impacco per capelli ricci a base di amido di mais basta un semplice bicchiere d’acqua e qualche cucchiaio di maizena. Per prima cosa bisogna versare 300 ml di acqua in un pentolino e farlo scaldare sul fuoco a fiamma dolce. Una volta calda. aggiungete 40 g di maizena e mescolate evitando la formazione di grumi. Potete facilitarvi questo passaggio setacciando prima la maizena. La consistenza finale dovrà essere densa come quella di una crema per capelli. Mettete il composto da parte e lasciatelo raffreddare prima di utilizzarlo. A questo punto potete distribuirlo sulla chioma partendo dalle radici fino alle punte. Lasciatelo agire per circa mezz’ora e poi risciacquate abbondantemente con sola acqua. Al termine di questo procedimento eseguite un normale lavaggio dei capelli.

LEGGI ANCHE: Rimedi casalinghi per combattere il caldo: le strategie fai da te da provare

Back to top button
Privacy