Salute delle donne: al Gemelli di Roma arriva il Codice Rosa per le emergenze

Inaugurato il Codice Rosa al Gemelli di Roma

Il 24 maggio a Roma il Gemelli apre un nuovo capitolo del percorso di cure dedicato alle donne. Con l’inaugurazione del Codice Rosa, infatti, si assiste all’introduzione di una corsia veloce dedicata ai problemi di salute relativi alla ginecologia. Alla cerimonia di apertura erano presenti anche le autorità, tra cui la sindaca Virginia Raggi e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Arriva il Codice Rosa al Gemelli di Roma: la svolta per le emergenze ginecologiche

Il policlinico Gemelli di Roma ha inaugurato un nuovo percorso dedicato alle donne. Si tratta del Codice Rosa, un codice che si identifica con un percorso oncologico per le donne. L’attenzione di questa iniziativa è tutta rivolta alle donne con urgenze ginecologiche. Si parla, infatti, di una corsia veloce del tutto rivolta alle donne che presentano delle emergenze di tipo sanitario, ed in modo particolare di tipo oncologico. Un’iniziativa, dunque, che potrebbe fornire aiuti in più nel trattamento di queste malattie.

Iniziative rivolte alle donne: il “Cinema che cura”

Intanto, a partire dal 7 maggio, il Gemelli di Roma ha dato il via ad una ricerca dal titolo Cinema che cura. L’obiettivo è quello di supportare le pazienti nel processo di elaborazione della malattia. La ricerca prevede una serie di incontri di gruppo e proiezioni di film, con alcuni momenti di valutazione psico-oncologici. Si tratta di un progetto di medicina complementare rivolto alle donne con tumori ginecologici. Il primo gruppo di pazienti coinvolte nella studio è formato da 15 donne, che vengono seguite presso la Uoc di Ginecologia Oncologica e il Day Hospital dei Tumori Femminili della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Il progetto mira a sfruttare il cinema come strumento di lavori psicologico clinico, all’interno di un percorso in cui vengono utilizzate delle cure personalizzate.

LEGGI ANCHE: In forma come Cristina D’Avena: molto allenamento ma senza rinunce a tavola

Exit mobile version