DietePrimo Piano

Dieta della Quaresima: come prepararsi al pranzo di Pasqua in 40 giorni

Conoscete la dieta della Quaresima? Ecco come funziona

La dieta della Quaresima è un regime alimentare da seguire per i 40 giorni che precedono la Pasqua, ovvero dal Mercoledì delle Ceneri fino al Giovedì Santo. Questo tipo di dieta segue anche il digiuno dalla carne per quanto riguarda il venerdì, ma si prefigge, soprattutto, l’obiettivo di seguire un’alimentazione sana e regolare in vista delle grandi abbuffate delle feste. Ecco come funziona e come seguirla.

Dieta della Quaresima: come funziona lo schema dei 120 grammi

La dieta della Quaresima, che dura soltanto 40 giorni, si prefigge l’obiettivo di restituire la corretta forma fisica, ma, soprattutto, di aiutare a seguire un corretto regime alimentare. Uno dei principi alla base di questa dieta è lo schema dei 120 grammi totali per ogni pasto. Ad esempio, se si mangiano 60 grammi di pasta, si potranno anche abbinare 60 grammi di pesce. Il totale degli ingredienti cotti, dunque, deve essere sempre 120 g (esclusi i condimenti).

L’esempio del menù giornaliero

Per quanto riguarda il menù giornaliero, la dieta della Quaresima lascia un largo margine di libertà negli accostamenti e nella scelta del cibo, pur rimanendo fedele alla regola dei 120 grammi e al digiuno dalla carne del venerdì. Ecco un esempio di schema da seguire durante la giornata.

  • Colazione: 1 yogurt magro (o una tazza di latte), 3 fette biscottate con poca marmellata priva di zuccheri aggiunti e 1 frutto di stagione.
  • Spuntino: 1 succo di frutta fatto in casa senza zuccheri aggiunti.
  • Pranzo: brodo di carne (60 g) con carne (60 g) o con pasta (60 g).
  • Merenda: una tazza di tè senza zucchero ed 1 frutto di stagione.
  • Cena: in questa dieta è ammesso ogni tipo di carne, pesce, latticini e uova. A cena potete scegliere tra una porzione di uno tra questi alimenti, accompagnata da un contorno di verdure grigliate. 

Come per tutte le diete, inoltre, chiedete sempre il parere del medico prima di intraprenderla.

LEGGI ANCHE: Perché la mattina non riusciamo ad alzarci dal letto? La risposta della scienza

Back to top button
Privacy