Diete

Dieta vegetariana, il menù per mangiare bene e bruciare i grassi

Anche con la dieta vegetariana è possibile perdere qualche chilo in eccesso

La dieta non deve essere vista solo come il modo ideale per dimagrire. Essere magri, infatti, non vuol dire essere sani, anche se il sovrappeso rappresenta un rischio per la salute. Una sana e corretta alimentazione, dunque, rimane l’unico modo per essere in salute e in forma. Un obiettivo che si può raggiungere anche seguendo una dieta vegetariana: ecco in quale modo.

Dieta vegetariana, come seguirla riuscendo a perdere qualche chilo

La dieta vegetariana esclude il consumo dei cibi animali, ovvero di carne e pesce. A differenza della dieta vegana, però, mantiene tutti i derivati di origine animale, come latticini, uova e miele. Se seguita nel modo corretto può aiutare anche a perdere qualche chilo in eccesso aiutando il corpo ad utilizzare le riserve di grasso. Ma in che modo possiamo seguire una dieta equilibrata escludendo la carne?

Il menù tipo e gli accorgimenti da seguire

Per seguire una dieta vegetariana bilanciata bisogna bilanciare sempre il menù giornaliero, inserendo carboidrati, proteine e frutta e verdura. Non dimenticare, inoltre, di bere almeno 2 litri di acqua al giorno e di praticare un po’ di sport. Ecco un esempio di menù giornaliero:

  • Colazione: un caffè, uno yogurt, 2/3 fette biscottate con miele o marmellata
  • Spuntino: un frutto di stagione e 3 mandorle
  • Pranzo: prima della portata principale consumare un’insalata verde o un frutto. Proseguire con una porzione di cereali a scelta tra riso, farro, avena, pasta. A seguire una porzione di proteine a scelta tra legumi, uova o formaggi con contorno di verdure cotte. Per condire potete utilizzare del sale e un filo di olio extra vergine d’oliva.
  • Merenda: uno yogurt e 2 noci oppure un frutto di stagione e un quadratino di formaggio.
  • Cena: insalata verde per cominciare e a seguire un piatto di pasta con fagioli.

LEGGI ANCHE: Bere un caffè prima di fare sport fa bruciare i grassi: la ricerca scientifica

Back to top button