DietePrimo Piano

Dieta e calorie, quali sono i cibi meno calorici che ci saziano?

Dal caffè alla mela, quali sono gli alimenti meno calorici?

Molte diete suggeriscono un’attenta valutazione delle calorie contenute nei cibi che si portano a tavola. Al di là delle diete ipocaloriche, che prevedono un’assunzione giornaliera di calorie ridotta rispetto al fabbisogno, sono innumerevoli i regimi alimentari che consigliano l’introduzione di cibi poco calorici, utilissimi anche per uno spuntino scaccia-fame. Ecco quali sono gli alimenti meno calorici.

Dieta e calorie: sono così importanti?

Una dieta ipocalorica può sicuramente aiutare a perdere peso, ma bisogna ricordare che magro non è sinonimo di sano e che l’alimentazione è un importante strumento per la salute. Meglio, dunque, seguire una dieta bilanciata, ricca di tutti gli elementi. Sì, dunque, alle 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura, almeno 2 di carboidrati e una di proteine. Se, però, siete alla ricerca dei cibi meno calorici per uno spuntino che vi sazi, o per compensare un pasto molto abbondante, ecco la lista.

La lista dei cibi meno calorici in grado di saziare

La mela è il simbolo dei cibi meno calorici, ma esistono alimenti con un contenuto di calorie ancora più basso. Al primo posto troviamo il cetriolo con solo 8 calorie, seguito dall’albicocca con 12 calorie. Quasi allo stesso livello, a seguire, finocchi, zucca e anguria (solo 16 calorie ogni 100 g). Tra i cibi poco calorici, inoltre, si trovano le fragole, le pesche, i pompelmi, le mele (48 calorie), e anche l’uovo e lo yogurt magro. Tutti cibi che da soli sono molto gustosi e possono anche saziare senza necessità di essere abbinati ad altro.

Questi alimenti, inoltre, sono spesso ricchi di altri benefici non indifferenti per la salute del corpo. Il sedano, ad esempio, contiene solo 16 calorie ma è in grado di fornirci acqua, fibre e, soprattutto, sodio e potassio. Pensate, infine, al caffè: contiene solo 2 calorie ma è considerato un alimento brucia-grassi!

LEGGI ANCHE: Ipertensione, tutti i sintomi e i campanelli d’allarme da non trascurare

Back to top button