BenesserePrimo Piano

Cioccolato fondente, il vero elisir di lunga vita: tutte le proprietà benefiche

Dall'umore al sistema cardiovascolare, il cioccolato fondente fa bene al nostro organismo

Sono molti gli studi scientifici che nel corso degli ultimi anni hanno dimostrato i notevoli benefici del cioccolato fondente. Oltre ad essere buono, infatti, questo alimento è in grado di aiutare il nostro organismo grazie alle sue molteplici proprietà benefiche. Sapete quali sono?

Cioccolato fondente, il vero oro a tavola

Per i nativi americani era il vero oro del loro paese, e oggi, alla luce di molti studi scientifici se ne comprende il significato. Dalle fave di cacao, infatti, si estrae la pasta di cacao, da cui a sua volta può essere separato il burro di cacao. Questa parte è ricca di acido oleico ed è priva del colesterolo. Per questo motivo il cioccolato fondente rispetto agli altri dolci può essere considerato un cibo amico della salute. Il cacao, infatti, non innalza i livelli di insulina e glicemia nel sangue. Ma affinché il cioccolato faccia davvero bene si deve scegliere fondente almeno all’80 percento, senza leticina di soia e senza latte. Il latte, infatti, fa in modo che l’organismo non assorba i polifenoli del cioccolato, ovvero la parte “buona” dell’alimento.

Tutte le proprietà benefiche che lo rendono un cibo “amico”

Una delle principali proprietà benefiche del cioccolato fondente è quella antiossidante, non solo per la pelle ma anche per i capelli. Proprio per questo motivo nei prodotti di bellezza spesso usano prodotti ricavati dal cacao. Il cioccolato, inoltre, fa bene al cuore e alla circolazione cardiovascolare, grazie ad alcuni flavonoidi in esso contenuti. Questo cibo, inoltre, è considerato un antidepressivo naturale dal momento che stimola la produzione di serotonina, l’ormone della felicità.

Diversi studi hanno dimostrato che è anche in grado di abbassare i livelli del colesterolo cattivo e di migliorare le prestazioni in ambito sportivo. Per godere pienamente dei suoi benefici il consiglio è quello di mangiarne qualche quadratino lontano dai pasti principali.

LEGGI ANCHE: Gli occhiali anti luce blu servono davvero? Come funzionano e chi ne ha bisogno

Back to top button