Fatti in casa

Rimuovere lo smalto semipermanente in casa: dal metodo con la lima a quello coi fogli di alluminio

I trucchetti per non danneggiare le unghie

Lo smalto semipermanente é un modo molto diffuso per avere sempre una manicure perfetta. Ma come fare quando la ricrescita è ormai evidente e lo smalto è rovinato? Non sempre, infatti, è possibile recarsi dall’estetista per rimuoverlo e a volte è necessario fare a casa da soli. Ecco una breve guida per togliere lo smalto semipermanente da sole.

Come rimuovere lo smalto semipermanente da sole a casa

Togliere lo smalto semipermanente in casa è possibile e talvolta rappresenta l’unica soluzione se non si ha la possibilità di recarsi nuovamente dall’estetista. Il rischio di compiere qualche movimento sbagliato e di danneggiare l’unghia c’è, ma basta seguire qualche piccolo accorgimento per effettuare l’operazione in sicurezza. Prima di cominciare a rimuovere lo smalto dovrete procurarvi alcuni strumenti, che probabilmente avete già in casa:

  • dischetti di cotone
  • solventi
  • lima
  • alluminio

Il procedimento da seguire passo dopo passo

Esistono due modi per togliere in casa lo smalto semipermanente. Il primo modo è quello che utilizza la classica lima per unghie e che viene usato anche da molte estetiste. Per prima cosa dovete prendere una lima affilata e cominciare a limare la superficie dell’unghia con movimenti delicate da destra a sinistra. Ricordatevi di fare con attenzione controllando di tanto in tanto che non siate giunti all’unghia vera e propria. Non appena avrete quasi finito di rimuovere tutto lo smalto continuate usando il solvente classico.

Se, invece, avete paura di sbagliare e volete usare un metodo che non include la lima, allora potete provare la tecnica coi fogli di alluminio. Per prima cosa prendete dei dischetti di cotone e imbeveteli di solvente. Poggiate i dischetti sull’unghia e avvolgere con la carta stagnola lasciando agire per qualche minuto prima di rimuovere il tutto. In questo modo rimuoverete lo smalto senza movimenti aggressivi.

LEGGI ANCHE: Dieta antinfiammatoria, come spegnere l’infiammazione con l’alimentazione giusta

Back to top button