Bambini dipendenti da smartphone: come staccarli senza capricci

I bambini di oggi sono accomunati dal grande problema della dipendenza da tablet e smartphone. La società di oggi è una delle più legate alla tecnologia di sempre, ma i pediatri, i sociologi e perfino i fisioterapisti hanno più volte lanciato un appello ai genitori. Talvolta mamma e papà possono essere troppo permissivi e lasciare i bambini per molto tempo in compagnia degli apparecchi digitali. Ma altre volte accade che anche i genitori più severi abbiano difficoltà a staccare i bambini dallo schermo. Ecco allora alcuni metodi da provare.

Le regole per affrontare i bambini e lo smartphone

Trovarsi di fronte a bambini dipendenti dallo schermo è un problema comune a tanti genitori. Fino a qualche decennio fa i neo-genitori dovevano combattere contro la tv, a cui tanti bimbi rimanevano incollati per ore. Oggi l’attenzione si è spostato su smartphone e tablet. Ecco, però, in che modo affrontare la cosa.

Prima regola: restare calmi

Quando vi apprestate a dare al vostro bambino una nuova regola e, in questo caso, a limitargli l’uso dello smartphone, mantenete la calma. Cercate di affrontare l’argomento, spiegando anche i motivi per cui lo state facendo.

Seconda regola: siate l’esempio

Se cercate di togliere uno smartphone a un bambino, vi sentirete rispondere che anche voi lo fate. La seconda regole è proprio quella di dare l’esempio, abbondando i dispositivi digitali quando non è strettamente necessario usarli.

Terza regola: misurate il tempo

Quando i bambini sono piccoli è il momento buono per insegnare loro a misurare il tempo. Dire loro che potranno usare il telefono o il tablet per tot minuti, li renderà più consapevoli nell’uso. Impostate insieme il tempo da dedicare a questa attività e stabilite anche delle “punizioni” in caso di trasgressioni.

LEGGI ANCHE: Non riesco a dormire per i pensieri: da provare il metodo 4-7-8

Commenti

commenti