Addio forfora: 5 rimedi naturali che la eliminano per davvero

La forfora è un problema molto comune visto che le cause sono numerose: stress, alimentazione, traumi del cuoio capelluto, alimentazione e molto altro ancora possono danneggiare la salute della cute. Così, la forfora fa la sua funesta comparsa. Un danno all’immagine ma anche al proprio benessere, visto che quell’odiosa polverina bianca sulla testa è il sintomo di qualcosa che non va. Tutto parte dalla seborrea: le ghiandole sebacee producono un’eccessiva quantità di sebo, causando capelli unti e pesanti. A volte la causa può anche essere un abuso di trattamenti errati, non adatti al proprio capello.

Forfora: rimedi naturali

Usare uno shampoo antiforfora non sempre si rivela la scelta più giusta. Il prodotto infatti può risultare completamente inutile ed inefficace. A volte può giovare anche uno scrub, che ovviamente non fa bene solo a corpo e viso. Cosa fare allora? Alcuni rimedi naturali, economici e fai-da-te, aiutano a voltare pagina una volta per tutte. I prodotti di base sono facili da reperire, costano poco e soprattutto sono privi di effetti collaterali. Insomma, il proprio cuoio capelluto può tirare un sospiro di sollievo: la soluzione al problema potrebbe essere davvero a portata di mano, più vicina di quanto si creda.

Succo di limone, aloe vera, olio di semi di lino, aceto e barbabietola rossa

  • Succo di limone e olio d’oliva. Ecco gli ingredienti di un impacco fai-da-te facile da preparare ma estremamente utile. Il succo di limone, unito all’olio d’oliva, aiutano a liberare il cuoio dalle squame della forfora poiché idratano e nutrono il capello. Per realizzarlo occorre mescolare 2 cucchiai di succo di limone insieme a 2 cucchiai d’olio d’oliva e 2 cucchiai d’acqua. L’impacco va messo prima dello shampoo e lasciatelo libero di agire per circa 30 minuti sui capelli umidi. Solo alla fine è necessario sciacquare con cura.
  • Aloe vera. Il gel d’aloe vera è un vero toccasana per moltissimi problemi riguardanti salute e bellezza. La forfora per fortuna fa parte di questi, visto che l’aloe aiuta ad eliminarla definitivamente nel giro di pochi giorni. L’applicazione è semplice: va messi prima del lavaggio dei capelli e lasciato in posa per almeno 10 minuti, poi basta risciacquare e il gioco è fatto.
  • Olio di semi di lino. Poche gocce sul cuoio capelluto possono contribuire a risolvere il problema della forfora, alleviando anche i sintomi più fastidioso quali bruciore e prurito (ma ottimo anche per rendere i capelli più lucidi e sani).
  • Aceto. Di mele o di vino, il risultato è sempre ottimo. Per sfruttarlo come impacco va messo prima di lavare i capelli, lasciato in posa per circa 1 ora e poi lavato via.
  • Barbabietola rossa. Non tutti lo sanno ma l’ortaggio rappresenta uno dei rimedi della nonna più efficaci che esistano contro la forfora. L’impacco si crea portando ad ebollizione fiori e radici di barbabietole in un po’ d’acqua. Esso va applicato sul cuoio capelluto prima di andare a letto e infine sciacquato al mattino.

Cowash capelli grassi: cos’è e come si fa

Il cowash è letteralmente un ‘Conditioner Only Wash’, ovvero un lavaggio nel quale si utilizza solamente il balsamo. Ad esso va aggiunto un po’ di zucchero, utile per effettuare un piccolo scrub alla radice dei capelli. Così, mentre lo zucchero sgrassa la cute senza aggredirla, il balsamo possiede tutte le proprietà necessarie a detergere i capelli. È per questo motivo che lo shampoo smette di essere così indispensabile. Le chiome che devono pensare al cowash in maniera più seria sono quelle con forfora, fine, sfibrate o particolarmente fragili. L’idea torna utile anche se si va al mare tutti i giorni o se si pratica dello sport: in entrambi in casi il cowash è l’ideale per evitare lavaggi troppo ravvicinati.

Photo credits Facebook

Commenti

commenti