Neonata abbandonata col cordone ancora attaccato: come sta

Una neonata è stata trovata abbandaonata tra i rifiuti: aveva ancora il cordone ambelicale attaccato, come sta la piccola e che conseguenze ci saranno per la sua vita.

Il Daily mail ha raccontato una storia davvero triste che ha per protagonista una neonata cinese. La piccola è stata ritrovata tra i rifiuti, ricoperta di sporcizia, in un cortile di un villaggio nella provincia del Fujian, nell’est del Paese. Gli abitanti hanno si sono accorti della piccola, che aveva ancora il cordone ombelicale attaccato. È stato quindi dedotto che l’abbandono sia stato fatto poco dopo il parto, il che rende il gesto ancora più crudele visto che la bimba era all’apice della sua fragilità. Agghiaccianti le modalità del gesto: secondo le ricostruzioni la mamma l’avrebbe lanciata dal muretto di due metri che circondava il cortile.

Per fortuna la neonata era ancora viva ed è stata prontamente portata in ospedale, dove ha potuto ricevere tutte le cure necessarie. I medici hanno curato le sue ferite e ora la terranno in osservazione per stabilizzare i suoi parametri vitali. A preoccupare sono soprattutto le gravi lesioni riportate alla testa, ad uno dei due polmoni e al cuore. La speranza è che ovviamente che queste non comportino danni permanenti alla baby paziente. Ma i medici non sono gli unici a lavorare alacremente. Nel frattempo, infatti, le autorità stanno indagando senza sosta su chi sia la mamma latitante.

Il loro intento è quello di far luce sul caso visto che ovviamente non si conoscono né le motivazioni dell’abbandono (ammesso che possano esisterne di plausibili), né l’identità dei genitori della piccola. Nessuna informazione nemmeno su come sia stata abbandonata e dopo quanto tempo rispetto al parto. L’episodio ha avuto una grande risonanza mediatica e l’aspetto più positivo è che sono arrivate già numerose richieste di adozione.

Neonata abbandonata col cordone ancora attaccato: come sta

LEGGI ANCHE: NASCE CON IL CUORE FUORI DAL PETTO: COME STA LA NEONATA DOPO 3 INTERVENTI

Photo credits Facebook

Commenti

commenti