Glaucoma: vino rosso e cioccolato per stare meglio

Tè verde, cioccolato, le immancabili frutta e verdura, vino in quantità moderate e anche l’amato odiato fegato. Questi gli ingredienti della dieta anti-glaucoma messa a punto dagli studiosi dell’Università di Valencia e pubblicata dalla rivista specializzata Archivos de la Sociedad espanola de oftalmologia. La ricerca che ha messo a punto la dieta è una revisione di 20 studi precedenti, che hanno portato alla scoperta dei benefici degli antiossidanti contenuti in alcuni alimenti, su alcuni sintomi del glaucoma; non bisogna infatti illudersi e considerare la dieta come una cura definitiva per questa malattia, che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità colpisce circa 55 milioni di persone, ma un modo per alleviarne i sintomi, che possono essere anche molto gravi e invalidanti.

Menopausa: le banane abbassano il rischio di ictus

Secondo la ricerca spagnola il  retinolo (contenuto ad esempio nel fegato), i polifenoli, di cui è ricco il te verde, la frutta e verdura, la vitamina B1 (presente in patate e pane) e gli omega 3, contenuti in pesce e noci contribuirebbero a rallentare la malattia e svolgerebbero un ruolo positivo nel suo decorso, agendo direttamente sulla retina, la membrana più interna del bulbo oculare e portando dei benefici  nel breve termine. Il glaucoma, causato da un aumento della pressione nell’occhio, colpisce prevalentemente gli over 40 può avere effetti potenzialmente gravi arrivando poi nei casi più gravi alla cecità.

Ad oggi la terapia contro il glaucoma si avvale soprattutto dell’uso di colliri specifici, che però in molti pazienti hanno creato reazioni allergiche costringendoli ad interrompere le cure: per questo diventa fondamentale la prevenzione e un’attenzione particolare anche all’alimentazione, da sempre amica dell’organismo. Altri consigli contenuti nello studio sono di semplice e quotidiana applicazione: seguire uno stile di vita sano, fare sport e non vivere questa malattia come un handicap, isolandosi e lasciandosi andare allo sconforto e alla depressione.

Foto by Facebook

Commenti

commenti