Daniela Ferolla: “Apprezzo le eccellenze: con Linea verde, come potrebbe essere altrimenti?” [ESCLUSIVA]

Daniela Ferolla è diventata Miss Italia nel 2001 e da allora ha lavorato come modella, giornalista e conduttrice televisiva. Il programma che la porta in video da ormai 4 anni è un grande classico della Rai come Linea verde, in onda dal lontano 1981. VelvetBody ha raggiunto telefonicamente la bella Daniela per parlare della trasmissione ma anche della sua passione per fiori e piante, del rapporto col pubblico e di qualche segreto di bellezza…

Daniela, il programma ti permette di stare a stretto contatto con fiori e piante: nella vita privata hai il pollice verde?
Diciamo che la mia passione per il verde e per la natura inizia tanto tempo fa. Risale alla mia infanzia: sono nata in una terra rigogliosa e bella come il Cilento e i miei nonni avevano un agriturismo immerso nel verde con ulivi, l’orto e tante piante di cui prendersi cura. Anche la mia mamma aveva un pollice verde incredibile. Fino a 17 anni ho potuto godere quotidianamente di questa meraviglia, poi mi sono trasferita a Milano per studio e lavoro e ho visto molto meno verde! Devo dire però che sul mio terrazzo ho sempre avuto anche pomodori, erbe, lattuga, vasi… insomma, un piccolo orticello. Nulla viene per caso! Guardavo Linea verde già da piccola, possiamo dire che l’ho sempre “inseguito”.

Gli spettatori stanno apprezzando molto il vostro lavoro, che sta registrando ottimi ascolti: sei soddisfatta dei risultati?
Intanto mi hanno fatto notare che sono la donna più longeva alla conduzione di Linea verde, le altre non sono andate avanti per 4 edizioni! Sono molto soddisfatta, inoltre il pubblico ci sta premiando tanto. Il 2018 è cominciato alla grande e non posso che esserne grata. Per chi fa questo mestiere ci sono delle fatiche da affrontare: siamo sempre in giro, una volta in Sardegna sotto la pioggia e magari la volta dopo in Valle D’Aosta con freddo e gelo. Per questo ci devi mettere positività e impegno. Abbiamo la fortuna di vedere dei posti incredibili e questo ci appaga. Se poi da casa hai un pubblico così sensibile, allora ne vale davvero la pena.

Quanto riesci a mettere di te stessa e del tuo modo di essere nella conduzione?
Tanto, io mi sento me stessa. È come se fossi a casa mia, sono molto naturale: mi piace stare a contatto con le persone, con gli allevatori, gli agricoltori, i biologi… io ci metto il cuore e spero arrivi anche a casa.

Qual è la sfida che più ti stimola in tv?
Chi fa il mio mestiere deve mettere in conto di dover comunicare con un pubblico, per questo credo che la sfida più importante da superare sia sempre con il pubblico. Il successo e l’insuccesso di una persona e di una trasmissione è sempre legata al riscontro che si ha a casa. Personalmente mi sento super fortunata perché il pubblico sta rispondendo bene al programma e quindi possono definirla una ‘sfida positiva’.

L’aspetto fisico conta molto nella tua professione: hai qualche abitudine o routine che ti permette di essere sempre in forma?
Sono una salutista, sto attenta alla qualità del cibo. D’altronde con Linea verde non potrei fare altrimenti! Apprezzo le eccellenze alimentari e mi piace confrontarmi con i professionisti che mi possono dirigere verso standard elevati. Faccio molta attenzione alla qualità di ciò che mangio: scelgo prodotti bio, ingredienti molto semplici, nulla di elaborato. A volte mi concedo qualche sfizio ma mi tengo sempre in forma tramite l’attività fisica. Mi piace dedicarmi soprattutto alla corsa, allo yoga e alla danza.

Se potessi esprimere un desiderio professionale, quale sarebbe?
Il mio desiderio è sempre quello di crescere. La Rai mi ha dato una grande opportunità inserendomi in un programma storico come questo ma mi piacerebbe mettermi alla prova in altre fasce orarie e altri progetti. Io Linea verde lo farei tutta la vita, ma sono ambiziosa e mi piace sperimentare. Vedremo cosa mi riserverà il futuro.

Daniela Ferolla: "Apprezzo le eccellenze: con Linea verde, come potrebbe essere altrimenti?" [ESCLUSIVA]

Photo credits: ufficio stampa Daniela Ferolla

Commenti

commenti