Stress da rientro: 6 trucchi per non lasciarsi abbattere

Lo stress da rientro affligge 1 italiano su 3, cosa fare per non lasciarsi abbattere? Tra i rimedi fai-da-te ci sono 6 metodi da non sottovalutare per carburare in fretta e tornare alla normalità.

I mesi di luglio e agosto sono quelli in cui si concentrano le ferie estive: tra spiagge, gite fuori porta e vacanze con famiglia o amici, tornare alla normalità può rivelarsi più duro del previsto. Se l’ansia comincia a farsi sentire, ci si può consolare: non si è da soli! 1 italiano su 3 si è detto “preoccupato” per ciò che si troverà a settembre e addirittura più stressato di prima. A rivelarlo è un sondaggio condotto dal sito www.inabottle.it: tornare alla routine impensierisce il 63 per cento degli italiani, mentre i timori riguardanti lavoro e colleghi toccano rispettivamente il 57 e il 49 per cento degli intervistati.

I motivi possono essere i più disparati: dagli stravizi estivi come alcol, sregolatezza e mancanza di sonno (che devono essere forzatamente abbandonati quando si torna al lavoro) fino all’insoddisfazione generale che per qualche mese era passata in secondo piano. Insomma, lo stress da rientro esiste davvero e colpisce un cospicuo numero di individui. Per non lasciarsi abbattere ci sono dei consigli da seguire, da riassumere in 6 punti:

  1. Bere un bicchiere di acqua e limone la mattina: potrebbe sembrare un rimedio troppo dolce ma non è affatto così (basta seguire il link in fondo alla pagina per saperne di più). Il limone è un potente alcalinizzante e, se assunto la mattina, si dimostra un vero energizzante.
  2. Fare movimento: d’estate si esce di più ma al tempo stesso si tende a dormire e riposarsi più del dovuto. Male: più ci si riposa e più il corpo tenderà ad impigrirsi. Per questo la mattina si può partire con un po’ di stretching, yoga o qualche saltello. La vitalità non tarderà ad arrivare.
  3. Non usare il telefono in bagno: in fondo i propri contatti potranno aspettare qualche minuto. Quest’abitudine permetterà di assaporare la propria privacy ma anche di sfruttare meglio il tempo a propria disposizione, senza ridursi alle corse frenetiche che tendono a caricare il fattore ansia.
  4. Respirare: la mattina può essere utile dedicare qualche minuto a se stessi, respirando ed espirando profondamente. Ci si potrà focalizzare su cosa si vuole raggiungere nel corso della giornata nonché alleviare quel senso di ansia e preoccupazione che altrimenti rischierebbe di rovinare tutto.
  5. Dispensare “grazie” e “buongiorno”: predisporsi a risolvere i problemi piuttosto che scoraggiarsi è più utile di quanto si possa immaginare.
  6. Giocare d’anticipo: l’ansia da rientro viene aggravata dalla frenesia che solitamente caratterizza le giornate. Preparare la sera il pranzo per il giorno dopo (o la merenda che i figli porteranno a scuola) può essere d’aiuto, specialmente i primi tempi quando si fa più fatica a tenere il passo.

Stress da rientro: 6 trucchi per non lasciarsi abbattere

LEGGI ANCHE: ACQUA E LIMONE, 5 VARIANTI CHE AIUTANO A DIMAGRIRE

Photo credits Facebook

Commenti

commenti