Sapone molle: quando si usa

Il sapone molle è un’efficace soluzione contro i parassiti delle piante: quando e come usare questo insetticida amico degli animali (e della natura).

Composizione del sapone molle

Il sapone molle è costituito da una base forte di idrossido di potassio combinato con acidi deboli a catena lunga (così definiti in base al numero di atomi di carbonio contenuti), i quali posseggono il pregio di non rivelarsi dannosi né per le piante né per gli animali. L’utilizzo più comune è di carattere botanico: il controllo degli afidi. La consistenza molle è data dalla presenza del potassio, mentre la bassa tossicità rende questo prodotto particolarmente adatto nelle case in cui vivono bambini o animali domestici. Esso riesce quindi a combattere i parassiti delle piante in modo sano e privo di controindicazioni.

Come si usa

Il sapone molle, venduto anche come “sale di potassio degli acidi grassi” oppure come “laureato di potassio”, per funzionare dev’essere sciolto in acqua tenera (in quella dura si rivela molto meno efficace perché gli acidi grassi tendono a precipitare rapidamente). La modalità di utilizzo è estraente semplice: va spruzzato sulle piante fino a bagnare completamente la totalità della superficie fogliare. I parassiti tendono a morire quando entrano a contatto diretto con il prodotto, sebbene gli scienziati non abbiano ancora capito l’esatta ragione. I processi che portano alla morte degli insetti infestanti potrebbero infatti comprendere il loro soffocamento, lo scioglimento della membrana con conseguente perdita di acqua ed evaporazione, interferenze con la crescita o con il metabolismo del parassita.

Sapone molle: quando si usa

Quando si usa

Ricorrere al sapone molle si rivela una buona idea se la pianta è infestata dai parassiti ma anche per prevenire il problema e tenere a bada gli insetti. Nonostante l’avvento dell’industria chimica abbia ristretto la portata del mercato, il prodotto resta il preferito di quanti vogliono purificare le proprie piante evitando però di utilizzare sostanze tossiche. Tra gli insetti tenuti alla larga dal sapone molle ci sono gli afidi, la psillia, gli acari, le api e le coccinelle (nonostante gli ultimi due rientrino nella categoria degli “insetti utili”). Il dosaggio consigliato, di solito, è il seguente: 15 grammi per ogni litro d’acqua, preoccupandosi di farlo sciogliere bene. Qualora l’infestazione fosse particolarmente severa la dose può essere raddoppiata per ricorrere davvero “alle maniere forti”.

LEGGI ANCHE: SAPONE FATTO IN CASA: LA RICETTA

Photo credits Pinterest

Commenti

commenti