È incinta ma malata di tumore: fa un parto prematuro e poi muore

Danielle credeva di aver vinto il cancro ma non era così: incinta di 6 mesi, organizza un parto prematuro per dare una chance al suo bambino. Va tutto per il verso giusto ma lei muore 3 giorni dopo.

Danielle, 30 anni, ha dimostrato una forza più grande del suo stesso corpo. Aveva affrontato un tumore e credeva di averlo sconfitto, ma dopo 2 anni il male è tornato a bussare alla sua porta. Stavolta però era decisamente più potente. Inoltre, Danielle era incinta di 6 mesi. Per questo, quando i medici hanno dato il più terribile dei verdetti, lei si è subito mobilitata per dare alla luce il suo piccolo al fine di dargli almeno una chance di sopravvivere.

Il parto cesareo ha permesso a Jake di venire al mondo 3 giorni prima che il melanoma portasse via la sua mamma. Ormai si era diffuso nei polmoni, nei reni, nel fegato e nel cervello e ovviamente non c’era più nulla da fare. Danielle si è addormentata con la consapevolezza di aver fatto la scelta giusta: il suo bimbo è nato con un peso di appena 760 grammi ed è tutt’ora ricoverato presso l’unità di terapia intensiva neonatale della University of Pennsylvania. I polmoni non si sono ancora sviluppati e Jake dovrà ricevere l’aiuto della ventilazione artificiale, ma il piccolo sta lottando per non vanificare gli sforzi di Danielle.

È incinta ma malata di tumore: fa un parto prematuro e poi muore

Su GoFundMe è partita una raccolta fondi per aiutare la famiglia a sostenere le spese mediche per Danielle e Jake. Il fardello infatti grava interamente sulle spalle di papà Max, un poliziotto ed ex sergente che in passato ha partecipato a diverse missioni sia in Iraq che in Afghanistan. Sono stati raccolti più di 70mila dollari in 2 settimane e la destinazione del danaro è già chiara: garantiranno le migliori cure mediche per Jake e, più in là, la sua istruzione e quella della primogenita Avery (4 anni). La tragedia non poteva essere evitata ma Max farà di tutto per regalare alla sua famiglia una vita serena.

Photo credits Facebook

Commenti

commenti