ArtDesignBox, Irinox spa e Aldo Palma al Refettorio Ambrosiano: la buona alimentazione al Fuorisalone

Al Fuorisalone Food e Made in Italy si incontrano al Refettorio Ambrosiano per la mostra di Aldo Palma: arte e buona alimentazione unite all’insegna della solidarietà.

Milano si prepara alla Design Week 2017, in programma dal 4 al 9 aprile, e contemporaneamente si organizzano moltissimi di eventi che, contrariamente alla Fiera, popoleranno le strade della città: sono quelli del Fuorisalone, manifestazione nata spontaneamente in concomitanza con l’appuntamento di Rho e divenuta negli anni parte integrante dell’intera kermesse.

Ma in una settimana dedicata al design più innovativo e all’avanguardia in realtà c’è spazio anche per un tema apparentemente diverso, eppure funzionale: il cibo. Durante il Fuorisalone infatti, questo elemento diventa strumento di aggregazione, grazie ai numerosi aperitivi in programma offerti  nei vari spazi aderenti al calendario che, proprio attraverso combinazioni di gusto ricercate e curatissime, intrecciano un dialogo produttivo con possibili buyer, imprenditori o semplici curiosi.

Tra tutti c’è un luogo in particolare che fa del cibo il suo anello di congiunzione tra arte e design: il Refettorio Ambrosiano. Dal 4 al 9 aprile infatti la mensa gioiello voluta da Massimo Bottura – luogo di accoglienza per i più bisognosi – ospita un evento ideato da ArtDesignBox in collaborazione con Caritas Ambrosiana e Irinox spa, azienda leader nella produzione di abbattitori rapidi di temperatura.

Protagonista della mostra sarà l’artista romano Aldo Palma e le sue opere, fatte di cuori tridimensionali e tele realizzate con resine poliviniliche. Mediante l’utilizzo di fili su queste ultime si genera il fenomeno dell’estroflessione: la materia collassando su se stessa diventa tattile, tridimensionale.

L’evento sarà un’occasione unica per approfondire il connubio arte-cibo, proprio all’interno di uno spazio nato per fondere i concetti di design e solidarietà, coadiuvandoli in un’unica (e sostenibile) direzione: la lotta agli sprechi.

Il Refettorio Ambrosiano infatti si impegna nel garantire circa 90 pasti caldi al giorno destinati agli utenti dei centri di ascolto della Caritas Ambrosiana, dei servizi specifici e del Rifugio per senza tetto della Stazione Centrale.

Ma per offrire un elevato standard qualitativo delle pietanze servite (autentica mission del Refettorio) è indispensabile l’uso di un abbattitore rapido di temperatura. Nel raggiungimento di questo obiettivo si inserisce Irinox Spa che in occasione della mostra ne donerà uno in grado di garantire l’eccellenza in fatto di alimentazione.

L’abbattitore è infatti in grado di raffreddare e surgelare velocemente le pietanze – anche appena estratte del forno – preservandone la fragranza, la consistenza, i colori, e le proprietà nutrizionali.

I cicli di raffreddamento abbassano la temperatura al cuore degli alimenti fino a +3°C e attraversano velocemente la fascia di massima proliferazione batterica (da +40°C a +10°C), causa del loro naturale invecchiamento. I cicli di surgelazione trasformano infatti l’acqua contenuta negli alimenti in microcristalli che preservano la loro struttura e la qualità più a lungo nel tempo.

Questo processo di raffreddamento istantaneo consentirà dunque al Refettorio di garantire cibo sempre sano, eliminando drasticamente gli sprechi e allineandosi alle esigenze di sostenibilità sempre più stringenti nel settore del Food.

Nella serata di Sabato 8 Aprile, dalle ore 19 fino a tarda sera, contestualmente all’esposizione artistica dei lavori del maestro di arte contemporanea Aldo Palma, ci sarà anche l’aperitivo “Cena Sospesa” aperto al pubblico a cura della famosa MIcKyChef. Tra i piatti proposti un pregiato Riso Carnaroli della Riserva San Massimo con Castelmagno, ricotta di bufala, noci, miele e Olio Idra, il nuovo olio EVO della Fattoria Ambrosio, eccellenza del Made in Italy.

Presente anche Luca Fioravanti di RAKI, Gelato Lovers from Sorrento, celebre maestro gelatiere che proporrà per l’occasione anche una scelta salata.

 

Commenti

commenti