Pollice verde

Dai vasi alla pentola: 5 fiori anti-age che vale la pena coltivare

Dai vasi alla pentola: 5 fiori anti-age che vale la pena coltivare

I fiori da coltivare sul proprio balcone o nel proprio giardino devono avere per forza uno scopo puramente decorativo? Niente affatto: ecco 5 esempi di fiori da sfruttare per migliorare anche il proprio aspetto e dimostrare qualche anno in meno.

Avere il pollice verde può portare benefici che non si fermano al terrazzo o al giardino. Esistono infatti moltissime piante che possono diventare ingredienti particolari e sfiziosi per le proprie ricette. Ovviamente non si intendono le comunissime erbe aromatiche quali salvia, basilico, rosmarino o prezzemolo. Piuttosto, si deve pensare alla rosa e alla violetta.

A chi non è capitato di assaggiare delle pietanze che contenevano dei petali? Unendo per così dire l’utile al dilettevole, può essere interessante coltivare 5 piante i cui fiori, inseriti in una ricetta, possono avere un effetto anti-age: calendula, viola, ageratum, begonia e nasturzio sono quindi il giusto mezzo per coltivare la bellezza tanto nel vaso quanto sul proprio viso.

Dai vasi alla pentola: 5 fiori anti-age che vale la pena coltivare

  1. Calendula: il sapore è quello di un limone un po’ piccante e può essere inserito in insalate, zuppe, risotti, frittate e, per chi non ha paura di sperimentare gusti nuovi, anche creme e budini. Il colore ricorda lo zafferano e fa bene perché contiene molti antiossidanti, ha proprietà antinfiammatorie (LEGGI ANCHE: LA CALENDULA: I SUOI FIORI POSSONO COMBATTERE ARROSSAMENTI E SCOTTATURE SOLARI) e aiuta il fegato stimolando la secrezione di bile.
  2. Viola: il più comune tra i fiori che finiscono in cucina, ha un sapore particolarmente dolce e delicato. Dalle insalate ai crostini, le viole vengono sostituite dalle ‘cugine’ violette quando si passa ai dolci. Ricche di antiossidanti e vitamine A e C, le viole sono il fiore anti-age per antonomasia.
  3. Ageratum: più ricercato ma semplice da coltivare, il gusto di questo fiore dal colore azzurro deciso assomiglia alla carota ma con note più amare. Oltre ad essere particolarmente indicato per preparare i liquori, si sposa bene con i formaggi a pasta molle. I suoi benefici riguardano soprattutto le articolazioni, grazie ai flavonoidi e ai tannini in esso contenuti.
  4. Begonia: il sapore dipende dalla varietà del fiore (le begonie rosse sono acidule, quelle bianche o rosa sono molto più dolci) e anche la forza anti-age (quelle rosse sono le più efficaci grazie agli antiossidanti e alle antocianine). I petali sono buoni nella macedonia, nelle creme dolci, nei formaggi e, perché no, nei cocktail. Via le infiammazioni e i radicali liberi, benvenuta digestione!
  5. Nasturzio: nel vaso sembra un semplice fiore di campo, ma nel piatto arricchisce pietanze a base di pesce, un carpaccio o una ricetta agrodolce. Il sapore ricorda quello della senape e il suo potere anti-age deriva dalle vitamina C e K, dall’acido folico e dai moltissimi minerali che contiene (ferro, manganese, zinco e calcio). È utile anche contro i malanni di stagione e ha un effetto detox su tutto il corpo.

Photo credits Pinterest

Commenti

commenti

Un sito ad hoc per chi ambisce all’equilibrio tra mente, corpo e… Pancia piatta!

Perché la bellezza va ricercata dentro e, perché no, mostrata anche fuori!

Copyright © 2016 MetUp srl

To Top