Salute

L’osteoporosi: ecco gli alimenti amici delle ossa

osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia che provoca la riduzione della massa ossea e comporta un indebolimento dello scheletro: secondo le stime presentate alla Giornata Mondiale dedicata, ogni giorno sono circa 25 mila i casi di frattura osteoporotica per un totale di 9 milioni l’anno. Numeri spaventosi che non sembrano arrestarsi. Le ossa maggiormente coinvolte sono l’anca, il polso, la spalla, il rachide toracico e quello lombare.

Il rischio di essere colpiti da osteoporosi aumenta con l’avanzare dell’età e colpisce una donna su tre e un uomo su cinque. Si può parlare di osteoporosi primaria e secondaria: la prima è anche chiamata “post-menopausale” o “senile” ed è legata al calo degli estrogeni, che avviene nelle donne soprattutto in menopausa e in generale nella senilità: circa il 6 per cento della popolazione (senza distinzione tra donne e uomini) viene colpito da osteoporosi in età avanzata. La seconda si verifica in caso di malattie endocrine (tiroide, morbo di Cushing) e croniche, di neoplasie, di malattie gastrointestinali e reumatiche o per la continua assunzione di determinati farmaci.

La patologia colpisce soprattutto le donne: solo in Italia ne soffre il 25 per cento con più di 40 anni e il 17 per cento degli uomini con più di 60 anni. Riconoscere il progressivo indebolimento dello scheletro non è sempre così immediato: spesso non ci sono sintomi e ci si rende conto di essere affetti da osteoporosi solo dopo un accidentale frattura. È dunque importante prevenire la patologia seguendo uno stile di vita sano e corretto.

Fare attività fisica e intensificarla con l’avanzare dell’età (per le donne dopo la menopausa) aiuta a prevenire i disturbi delle ossa. Smettere di fumare: il fumo anticipa la menopausa e in generale aumenta i disturbi tipici dell’osteoporosi. È fondamentale seguire una dieta equilibrata. Gli alimenti amici delle ossa sono tutti quelli ricchi di calcio e vitamina D. Ecco allora cosa non deve mancare in una dieta anti-osteoporosi:

Formaggi a lunga stagionatura (900-1100 mg), formaggi a media stagionatura (600-900 mg), formaggi freschi (400-600 mg).
Pesce: pesce azzurro (350 mg), gamberetti (120 mg).
Verdure: rucola (300 mg), famiglia dei cavoli (250 mg), broccoli e fagioli (100-1250 mg), spinaci (80-100 mg).
Frutta secca: mandorle, noci e nocciole (250-300 mg).
Latte e yogurt magro (100-120 mg), latte e yogurt interi (80-100 mg).

Foto by Facebook

Commenti

commenti

Un sito ad hoc per chi ambisce all’equilibrio tra mente, corpo e… Pancia piatta!

Perché la bellezza va ricercata dentro e, perché no, mostrata anche fuori!

Copyright © 2016 MetUp srl

To Top